i Giovani con i Padri Somaschi     

 

CollStory

   
Il Foglio di Collegamento della "Comunità Giovanile" di Elmas. 1


Sono sono ormai 5 gli anni di vita del "Collegamento Giovani". L'incontro mensile di "Sabato Giovane" che lo aveva suscitato diventa uno tra gli argomenti del foglio.  L'esperienza del gruppo giovanile si è consolidata e diversificata ed ormai si parla di "Comunità giovanile" e il "Collegamento" ha acquisito naturalmente il ruolo di "foglio di comunicazione" della comunità. Oltre l'articoletto di fondo l'interno è dedicato in gran parte nella comunicazione di notizie di rilievo avvenute nel periodo precedente nella comunità: tre giorni, ordinazioni sacerdotali di ex giovani della comunità... Appare per la prima volta la "bacheca" dove informare di fatti, appuntamenti, notizie di famiglia. C'è persino il cruciverba in cui trovare il nome di un giovane della comunità ritratto in una foto delle elementari...
L'aspetto grafico si rinnova. Il formato è diventato un B4 piegato in due, il tradizionale omino che scrive sui muri  dopo esser stato ripreso di spalle e poi di fronte (sempre in piedi per 5 anni) decide di sedersi per riposare un attimo. L'impostazione interna comincia a fare l'occhiolino alle riviste, nonostante si impagini ancora tutto con forbici e colla.

Questa volta vi proponiamo un'impressione della 3 giorni estiva di quell'anno e la news dell'ordinazione di Roberto Marongiu.
 

Molte volte sono stata molto felice, ma mai come lo sono stata alla 3 giorni... Amare è bello, e ancora pi bello è sapere che si può realizzare il disegno di Dio facendo le cose di ogni giorno. 
Ho capito che amando gli altri non solo si dà qualcosa ma si sente che Gesù è dentro di noi.
                                  Daniela

Il 23 luglio è certamente un giorno da non scordare e da segnare fra le date importanti della nostra storia. Uno di noi, Roberto Marongiu, nel santuario della Madonna del Rimedio ad Oristano è stato consacrato prete. Si proprio prete ma non uno qualsiasi. Ha infatti deciso di mettersi al servizio di ragazzi e giovani in difficoltà. Ed è subito record: è il primo sacerdote somasco sardo.

Roberto avrebbe certo una lunga storia da raccontarci. E' infatti uno dei primi giovani che 10 anni fa costituivano il 1° nucleo di quella che ora è la comunità giovanile.

L'augurio è che Roberto lasci vivere in sé quel Gesù che ha deciso di seguire nel suo amore verso i poveri.