i Giovani con i Padri Somaschi     

 

Testimonianze

   

Cosa Farebbe Girolamo Oggi?

Evangelizzare con la vita

   
   
   
   
 
 
Questa esperienza ha inizio circa 15 anni fa quando ancora frequentavo la scuola media. Tutte le mattine, per raggiungere la mia scuola dovevo percorrere circa 2 Km a piedi, ed ero solito farlo con un amico che abitava vicino a casa mia. Ci siamo conosciuti... dopo essercele date di santa ragione... Dio si serve dei modi più impensabili per far incontrare le persone...
Durante il tragitto che percorrevamo insieme, si parlava di tutto ed emergevano anche le enormi differenze caratteriali, di idee e comportamenti... ma sempre nel rispetto l'uno dell'altro.
Per esempio, lui veniva da una famiglia impegnata politicamente e schierata a sinistra (erano gli anni in cui il P.C.I aveva un grande seguito e non aveva certo un bel rapporto con la Chiesa e i cristiani), e soprattutto i ragazzi della mia età vedevano "male" chi andava in chiesa (le solite battute: ti deppisi fai predi? Trad. Devi diventare prete?).
La tentazione di nascondere la propria fede per paura di essere emarginato o deriso poteva prendere il sopravvento (come è accaduto a tanti miei coetanei).
Ma io venivo da una grandissima scoperta che era quella dell'Amore universale che tutto cambia e tutto vince... frequentavo già da diverso tempo i Padri Somaschi e... senza la paura del giudizio del mio amico, tutte le mattine andavo in chiesa (che era a metà strada), entravo e facevo una preghiera (2 - 3 minuti), poi uscivo e riprendevamo i nostri discorsi.
Lui è sempre restato alla porta. Io non gli ho mai chiesto di pregare con me ... ho sempre pensato che impiegasse quei minuti per pensare... in fondo anche quello poteva essere un modo per pregare.
Io rispettavo la sua scelta ma ero fermo e convinto della mia. 
Poco tempo fa ho avuto la conferma che non serve parlare di Dio... basta amare... poi ci pensa Lui.
Infatti ci siamo rivisti da poco e lui si è sposato, e nel raccontarmi della sua esperienza mi ha detto:
"sai Diego, parlando con mia moglie, le ho raccontato di noi due e di quando andando a scuola passavamo in chiesa, e mentre stavo alla porta... anche io pregavo... quelle preghiere mi hanno aiutato più di una volta a superare momenti difficili... le ho detto che se sono così oggi lo devo anche a quell'esperienza fatta insieme a te"
 
Un seme d'amore seminato 15 anni fa ha portato frutto... e chissà quanti non hanno occasione di raccontarci che da un nostro gesto d'amore anche loro...

Diego
 

 

Cosa farebbe Girolamo oggi se fosse al nostro posto? E' una domanda che tanti giovani si sono posti e trovando di volta in volta risposte diverse...
Proveremo ad ospitarne alcune nella speranza di poterne stimolare altre nuove innescando un circolo "virtuoso"...

vai al catalogo