i Giovani con i Padri Somaschi     

 

Testimonianze

   

Cosa Farebbe Girolamo Oggi?

Anche dove non t'aspetti

   
   
   
   
 


Da marzo, oltre all' università, frequento un corso regionale di formazione professionale per Assistenti (o hostess) congressuali. All'interno di questo corso era previsto un periodo di stage (una settimana) dal 10 al 17 Settembre, in occasione di un congresso nazionale. Prima di partire per lo stage, ho pensato molto a ciò che mi accingevo ad affrontare: desideravo che fosse una bella esperienza, non solo dal punto di vista lavorativo. Soprattutto mi ero ripromessa di amare tutte le persone che avrei avuto vicino. Tuttavia non vedevo come fosse realizzabile sperimentare ciò che rappresenta la sostanza del nostro carisma somasco: l'amore verso l'ultimo. Lì di ultimi ce n' erano ben pochi, erano tutti avvocati importanti! L'unica cosa da fare era amare, con la disponibilità, la pazienza (parecchia!), l'ascolto, la gentilezza e non perché così impone quel tipo di lavoro ma perché in chi mi stava di fronte c'era Gesù. L'amore veniva colto da queste persone e non sono mancati dei begli episodi.
E contrariamente a quanto pensavo, non è mancato neppure il modo di mettere alla prova il mio carisma somasco. 
E' successo il giorno dell'apertura dei lavori, quando ho dovuto da sola accompagnare alle rispettive camere circa un centinaio di congressisti: questo servizio era assolutamente necessario, visto che l'albergo è enorme e diviso in blocchi di camere sparsi lungo la collina (una specie di labirinto!)...chi è stato lì può capire!! Ci era stato severamente vietato di acconsentire a cambi di camere e in verità non erano poche le persone che chiedevano una sistemazione migliore!! Ad un certo punto, ho avuto l'incarico di accompagnare in camera un avvocato disabile (aveva una gamba sensibilmente più corta dell'altra) e sua moglie. Non so perché, ma era previsto che alloggiassero in una delle camere più lontane dal Centro Congressi, in cima alla collina. Considerata l'impossibilità di quella persona ad affrontare il percorso (che stancava pure me!) ho accompagnato la moglie alla ricezione per ottenere un cambio di camera, pur sapendo di rischiare una lavata di capo dalle responsabili. Non era certo di buon augurio per un futuro posto di lavoro ma, in coscienza, non potevo fare diversamente. 
Per fortuna non è successo niente del genere: i signori hanno ottenuto il cambio di camera e nei tre giorni successivi non hanno fatto altro che ringraziarmi! Io ero contentissima di aver avuto la possibilità di mettere in pratica, nel mio piccolo, l'esempio di Girolamo. 
Quest'esperienza mi ha fatto comprendere meglio come il carisma somasco, così come tutti gli altri carismi, può essere vissuto al meglio, in qualunque situazione. E' bastato questo piccolo episodio, in quel contesto così particolare e apparentemente così lontano da ogni forma di sofferenza, a farmi sentire unita a tutti i ragazzi che come me, si ispirano a Girolamo. Anche di questo ringrazio di cuore Dio.
                                           C. P.

 

Cosa farebbe Girolamo oggi se fosse al nostro posto? E' una domanda che tanti giovani si sono posti e trovando di volta in volta risposte diverse...
Proveremo ad ospitarne alcune nella speranza di poterne stimolare altre nuove innescando un circolo "virtuoso"...

vai al catalogo