i Giovani con i Padri Somaschi     

 

2 gli interventi del Papa in vista di Toronto 2002:
il discorso ai giovani della diocesi di Roma radunati il 21 marzo
(che trovate qui sotto)
e il saluto all'angelus della il 24 marzo domenica delle palme XVII giornata mondiale della gioventù
(
che trovate al fondo della pagina).
 

DISCORSO DEL SANTO PADRE 
GIOVANNI PAOLO II 
DURANTE L'INCONTRO CON I GIOVANI DI ROMA

21 marzo 2002

 

1.    "Voi siete il sale della terra... Voi siete la luce del mondo" (Mt 5, 13-14).

Queste parole di Gesù risuonano nei nostri cuori, mentre ci prepariamo alla celebrazione della decima settima Giornata Mondiale della Gioventù, che avrà luogo a Toronto, in Canada, nel luglio prossimo. Queste parole ci interpellano profondamente; ci chiedono di unirci con la nostra vita a Colui che è la vera luce del mondo e il sale che dà inalterabile sapore alla terra: Gesù Cristo, il Verbo che si è fatto carne ed è venuto ad abitare in mezzo a noi.

Vi ringrazio, carissimi giovani, di questo incontro che avete organizzato, e durante il quale avete voluto domandarvi insieme: "Che cosa vuol dire essere luce del mondo e sale della terra"? Vi hanno già aiutato a trovare una risposta alcuni vostri amici. Aderendo liberamente alla chiamata di Dio, essi vivono chi il fidanzamento, chi il matrimonio. Alcuni sono incamminati sulla strada del sacerdozio, altri su quella della vita religiosa o missionaria.

Li ringrazio per le loro testimonianze, che stimolano tutti voi a chiedervi con sincerità, così come hanno fatto loro: "Signore, cosa vuoi che io faccia?", cosa desideri che faccia per vivere appieno il mio Battesimo ed essere sale della terra e luce del mondo?

Prima di loro, questo stesso interrogativo se lo pose Francesco d'Assisi davanti al crocifisso di San Damiano. A loro come a voi Dio vuole rivelare il suo disegno di amore, per realizzare il progetto di vita che dall'eternità ha stabilito per ciascuno. 

2. Ringrazio il Cardinale Vicario per le calorose parole che mi ha rivolto a nome di tutti voi. Ringrazio pure la responsabile dei giovani dell’Azione Cattolica diocesana.

Saluto la delegazione di giovani delle regioni d'Italia, che domani partirà per Toronto, dove incontrerà i coetanei impegnati a preparare la prossima Giornata Mondiale. Saluto pure il gruppo che compirà un pellegrinaggio in Terra Santa, per recare una testimonianza di solidarietà ai giovani di quei luoghi così provati. Saluto infine la delegazione di giovani provenienti da Toronto, qui giunti per partecipare a questo incontro ed alla celebrazione della Domenica delle Palme.

Sono grato ai ragazzi e alle ragazze che mi hanno manifestato il loro desiderio di aderire alla chiamata del Signore, ma, al tempo stesso, hanno riconosciuto che non sempre è facile rispondergli con un “sì” aperto e generoso.

Carissimi amici, comprendo le vostre difficoltà. Le molteplici proposte, che giungono da più parti alla vostra coscienza, non vi aiutano certo ad individuare con facilità quel prodigioso disegno di vita che ha Cristo come centro unificatore e propulsore. Non è forse vero che alcuni vostri coetanei vivono come a momenti, scegliendo di volta in volta quello che può apparire più comodo?

Ascoltatemi! Se non dedicate tempo alla preghiera e non vi lasciate aiutare da una guida spirituale, la confusione del mondo può persino giungere a soffocare la voce di Dio. Come è stato opportunamente notato da alcuni, inseguendo il soddisfacimento dei propri bisogni immediati si perde la capacità di amare in nome di Cristo e non si è in grado di dare la vita per gli altri come Egli invece ci ha insegnato. Che fare, allora? 

3. Voi mi avete posto la seguente domanda: "Cosa dobbiamo fare per essere sale della terra e luce del mondo?".

Per rispondere, dobbiamo ricordare anzitutto che Dio ha creato l'uomo a sua immagine, destinandolo a quella prima e fondamentale vocazione che è la comunione con Lui! In questo consiste la più alta dignità dell'essere umano. "Fin dal suo nascere - ricorda il Concilio Vaticano II - l'uomo è invitato al dialogo con Dio: non esiste, infatti, se non perché, creato per amore da Dio, da lui sempre per amore è conservato, né vive pienamente secondo verità se non lo riconosce liberamente e se non si affida al suo Creatore" (Gaudium et spes, 19).

Sì, cari amici, siamo creati da Dio e per Dio e il desiderio di Lui è iscritto nel nostro cuore! Poiché "la gloria di Dio è l'uomo vivente", come notava sant'Ireneo di Lione, Dio non cessa di attirare a sé l'uomo, affinché in Lui possa trovare la verità, la bellezza e la felicità che cerca senza posa. Questa attrazione che Dio esercita su di noi si chiama "vocazione". 

4. Proprio perché creati a immagine di Dio, abbiamo ricevuto da Lui anche quel grande dono che è la libertà. Se non è esercitata bene però, la libertà ci può condurre lontani da Dio. Può farci perdere la dignità di cui Egli ci ha rivestiti. Quando non è plasmata dal Vangelo, la libertà può trasformarsi in schiavitù: la schiavitù del peccato e della morte eterna.

Cari ragazzi e ragazze di Roma! I nostri progenitori, allontanandosi dalla volontà divina, sono caduti nel peccato, cioè nel cattivo uso della libertà. Il Padre celeste non ci ha tuttavia abbandonati; ha mandato il suo Figlio Gesù per risanare la libertà ferita e restaurare in modo anche più bello quell'immagine che si era deturpata. Vittorioso sul peccato e sulla morte, Gesù ha affermato la sua signoria sul mondo e sulla storia. Egli è vivo e ci invita a non sottomettere la nostra libertà personale ad alcun potere terreno, ma soltanto a Lui e al Padre suo onnipotente!

Giovani del nuovo millennio, non usate male la vostra libertà! Non sciupate la grande dignità di figli di Dio che vi è stata donata! Sottomettetevi unicamente a Cristo, che vuole il vostro bene e la vostra autentica gioia (cfr Mt 23,8-10); a Lui, che vi vuole uomini e donne pienamente felici e realizzati! Scoprirete in tal modo che soltanto aderendo alla volontà di Dio possiamo essere luce del mondo e sale della terra! 

5. Queste realtà tanto sublimi quanto impegnative possono essere comprese e vissute solamente in un clima di costante preghiera. E' questo il segreto per entrare e per dimorare nella volontà di Dio. Molto opportune sono, pertanto, le iniziative di preghiera - soprattutto di adorazione eucaristica - che vanno diffondendosi nella Diocesi di Roma per opera di voi giovani.     A tutti e a ciascuno vorrei inoltre dire: leggete, personalmente e comunitariamente, il Vangelo, meditatelo e vivetelo. Il Vangelo è la parola viva ed operante di Gesù che ci fa conoscere l'infinito amore di Dio per ognuno di noi e per l'intera umanità. Il divino Maestro chiama ognuno di voi a lavorare nel suo campo; vi chiama ad essere suoi discepoli, pronti a comunicare anche ad altri vostri amici quanto Egli vi ha comunicato.

Se farete questo, saprete rispondere alla domanda: "Signore, cosa vuoi che io faccia?". La vera risposta è, infatti, contenuta nel Vangelo, che idealmente vi consegno questa sera. E' il mandato missionario di Gesù: "Voi siete il sale della terra... Voi siete la luce del mondo" (Mt 5,13-14). Ve lo affido per le mani di Maria, fulgido modello di fedeltà alla vocazione affidataLe dal Signore. 

Buon cammino verso Toronto!

 

  

CELEBRAZIONE DELLA DOMENICA DELLE PALME 
E DELLA PASSIONE DEL SIGNORE

ANGELUS

24 marzo 2002
XVII Giornata Mondiale della Gioventù

 

Prima di concludere questa solenne Celebrazione, ci rivolgiamo a Maria Santissima, che sotto la croce del Figlio confermò il "fiat" pronunciato all'annuncio dell'Angelo. Ci aiuti Lei a seguire fedelmente Gesù, sull'esempio di tanti fratelli e sorelle che hanno dato al Vangelo la suprema testimonianza del sangue. Penso, in particolare, ai missionari e alle missionarie martiri, di cui ricorre oggi in Italia l'annuale commemorazione. Questa coerenza e questo coraggio la Vergine ottenga in modo speciale a voi giovani, chiamati a compiere scelte fondamentali per la vostra vita.

Je vous salue de manière particulière, vous jeunes Canadiens venus participer au rassemblement préparatoire aux prochaines Journées mondiales de la Jeunesse de Toronto et à la cérémonie des Rameaux. Puisse cette expérience de l’universalité de l’Église vous donner le désir d’inviter largement les jeunes à se rassembler cet été à Toronto afin de proclamer ensemble le Christ ressuscité et de recevoir des grâces nouvelles pour la mission ! Je vous accorde à tous une affectueuse Bénédiction apostolique.

Traduzione italiana delle parole in francese: 

Vi saluto in modo particolare, giovani canadesi venuti per partecipare al raduno in preparazione della prossima Giornata Mondiale della Gioventù di Toronto e alla cerimonia delle Palme. Possa questa esperienza dell'universalità della Chiesa infondervi il desiderio di invitare i giovani a riunirsi questa estate a Toronto al fine di proclamare insieme Cristo risorto e di ricevere grazie nuove per la missione! Imparto a tutti un'affettuosa Benedizione Apostolica.

 

I warmly greet the English-speaking young people. Continue to follow the Lord with joy and enthusiasm! He has the words of eternal life! He wants you to be the light of the world and the salt of the earth! A special greeting to the group from Canada. We will meet again at the World Youth Day in Toronto. God bless you all!

Traduzione italiana del saluto in inglese: 

Saluto di cuore i giovani anglofoni.
Continuate a seguire il Signore con gioia ed entusiasmo! Egli ha parole di vita eterna! Egli desidera essere la luce del mondo e il sale della terra! Un saluto speciale al gruppo proveniente dal Canada. Ci incontreremo di nuovo in occasione della Giornata Mondiale della Gioventù a Toronto. Dio vi benedica tutti!

 

Sehr herzlich grüße ich die deutschsprachigen Pilger, ganz besonders die Jugendlichen. Schon am heutigen Tag erfahren wir etwas von der Freude und Besinnung, die den Weltjugendtag in Toronto kennzeichnen werden. Liebe junge Freunde, Euch ist das Weitertragen der Frohen Botschaft anvertraut. Bezeugt vor allem unter den Gleichaltrigen Jesus Christus, den gekreuzigten und auferstandenen Herrn, der unserem Leben Fülle und Licht verleiht. Dazu gebe ich Euch von Herzen meinen Apostolischen Segen!

Traduzione italiana del saluto in tedesco: 

Saluto di cuore i pellegrini di lingua tedesca, in particolare i giovani. Già oggi viviamo qualcosa della gioia e della riflessione, che si manifesteranno nella Giornata Mondiale della Gioventù a Toronto. Cari giovani amici, avete il compito di trasmettere la Buona Novella, testimoni soprattutto del vostro coetaneo Gesù Cristo, il Signore crocifisso e risuscitato, che conferisce alla nostra vita luce e pienezza. A voi imparto di cuore la mia Benedizione Apostolica!

 

Saludo con afecto a los peregrinos de lengua española que han participado con gozo en la liturgia de hoy, y muy especialmente a los jóvenes. Llevad siempre grabadas en vuestros corazones las palabras de Jesús: "Vosotros sois la sal de la tierra... Vosotros sois la luz del mundo". Que la proximidad de la Jornada Mundial de la Juventud en Toronto sea también motivo de alegría y esperanza ¡Que Dios os bendiga!

Traduzione italiana delle parole pronunciate in lingua spagnola: 

Saluto con affetto i pellegrini di lingua spagnola che hanno partecipato con gioia alla liturgia odierna, e in modo particolare i giovani. Portate sempre impresse nel vostro cuore le parole di Gesù:  "Voi siete il sale della terra... Voi siete la luce del mondo". Che la vicinanza della Giornata Mondiale della Gioventù a Toronto sia anche motivo di gioia e di speranza! Che Dio vi benedica!

 

Queridos jovens de língua portuguesa! Com os vossos ramos e palmas aclamastes a Cristo, luz e vida dos homens. Não vos assustem as trevas do mundo mas, como sentinelas da alvorada, erguei alta a luz de Cristo e defendei a vida: "vós sois a luz do mundo e o sal da terra". Até Toronto, se Deus quiser!

Traduzione delle parole pronunciate in lingua portoghese: 

Cari giovani di lingua portoghese! Con i vostri rami di palma avete acclamato Cristo, luce e vita degli uomini. Non vi spaventino le tenebre del mondo ma, come sentinelle dell'aurora, tenete alta la luce di Cristo e difendete la vita:  "voi siete la luce del mondo e il sale della terra". A Toronto, se Dio vuole!

 

Serdecznie pozdrawiam pielgrzymów z Polski, a zwłaszcza obecną tu młodzież. Cieszę się, że przybyliście do Rzymu, aby wraz z młodymi mieszkańcami tego miasta przeżywać uroczystość Niedzieli Palmowej. Tradycyjnie już, to rzymskie spotkanie jest niejako bezpośrednim przygotowaniem do Światowego Dnia Młodzieży, który w tym roku przeżywać będziemy w Kanadzie. Towarzyszyć nam będą słowa: "Wy jesteście solą dla ziemi. Wy jesteście światłem świata" (Mt 5, 13.14). Niech dzisiejsze spotkanie z Chrystusem, który podejmuje krzyż, aby dać nam zbawienie, dodaje życiu każdego i każdej z was smaku i blasku, aby wasze świadectwo było pełne.

Zanieście moje pozdrowienie i błogosławieństwo waszym rówieśnikom w Kraju. Do zobaczenia w Toronto!

Traduzione del saluto in lingua polacca: 

Saluto cordialmente i pellegrini provenienti dalla Polonia, e soprattutto i giovani qui presenti. Sono lieto che siate giunti a Roma per vivere, insieme ai giovani di questa città, la solennità della Domenica delle Palme. E' ormai tradizione che quest’incontro romano costituisca una preparazione prossima alla Giornata Mondiale della Gioventù, che quest’anno vivremo in Canada. Ci accompagneranno le parole: "Voi siete il sale della terra. Voi siete la luce del mondo" (Mt 5, 13-14). L’odierno incontro con Cristo, che accoglie la croce per portarci la salvezza, dia alla vita di ciascuno e ciascuna di voi il sapore e lo splendore, affinché la vostra testimonianza sia piena.

Portate il mio saluto e la mia benedizione ai vostri coetanei nella Patria. Arrivederci a Toronto!

 

Un saluto speciale indirizzo infine a voi, cari ragazzi e ragazze di Roma e d'Italia, con l'augurio di una fruttuosa Settimana Santa e di una Pasqua ricca di gioia e di pace.

Torna Home GMG