i Giovani con i Padri Somaschi     

 

La Parola

Il Vangelo domenicale

  commentato in 150 parole

   
  

 

 1 ottobre 2006 - XXVI domenica, anno B 

          «tagliala» (Mc 9,43)
 

     
   

“Tagliala, taglialo, cavalo...”. L’atteggiamento che Gesù domanda ai suoi si può sintetizzare in una parola: risolutezza. Non verso gli altri (lì valgono la pazienza, il perdono, il dialogo...), ma verso se stessi. Già, perché l’uomo può essere di scandalo a se stesso. Tutto ciò che ci “scandalizza”, cioè ti è di inciampo nell’amore vero, va eliminato senza tentennamenti, senza facili scuse.

S. Giovanni della Croce gli farà eco affermando: “Che importa che l’uccello sia legato a un filo o a una corda! Per quanto sottile sia il filo, l’uccello resterà legato come alla corda, finche non riuscirà a strapparlo per volare. Lo stesso vale per l’anima legata a qualche cosa: nonostante tutte le sue virtù non perverrà mai alla libertà dell’unione con Dio”.

Quanti fili da tagliare (con l’aiuto dello Spirito, per fortuna), tra questi anche molti desideri, perché rinunciare veramente ad una cosa vuol dire rinunciare a desiderarla.

MM

I commenti precedenti :  - anno A - anno B - anno C - in ordine per vangeli

 Il foglietto domenicale - il vangelo dei piccoli - la Parola sul web