i Giovani con i Padri Somaschi     

 

La Parola

Il Vangelo domenicale

  commentato in 150 parole

   
  

 

 2001 - X domenica tempo ordinario C 

                    «figlio unico di madre vedova» (Lc 7,12)
 

     
   

Una donna vedova che perde il suo figlio unico è l’immagine più efficace dell’umanità avvolta nella solitudine e segnata da un futuro desolante, priva di qualsiasi forza e speranza, di qualsiasi peso e onorabilità.

E’ Dio stesso che nella persona di Gesù si china, ancora una volta, su quest’umanità debole e impotente (1Re 17 presenta il dolore di una donna pagana), attento al lamento del suo popolo e ne ascolta il grido.

Non è solo l’umanità di cui siamo parte ad essere terra impotente, resa tale dall’egoismo che genera morte; il destino di ciascuno di noi sarebbe perso se colui che si scelse fin dal seno di nostra madre (Gal 1) non avesse fatto irruzione con la potenza della sua risurrezione che genera la vita dove regna la morte.

          Solo l’Amore ha questa fecondità inaudita che diventa Vangelo da annunziare, da divulgare oltre ogni confine e ogni limite umano.

I commenti precedenti : anno A - anno B - anno C - in ordine per vangeli

 Il foglietto domenicale - il vangelo dei piccoli - la Parola sul web