i Giovani con i Padri Somaschi     

 

La Parola

Il Vangelo domenicale

  commentato in 150 parole

   
  

 

 XV domenica tempo ordinario C 

     “Chi è stato il prossimo di colui che è caduto nelle mani dei banditi? Va’ e anche tu fai così”. (Lc 10, 25-37)
 

     
   

        Chi paradossalmente “più vicino” di Colui che invece ci sembra a volte distante e disattento alle vicende nostre e dell’umanità?!

        Da questa “prossimità”, scoperta ed accolta,  nasce una nuova dimensione dell’esistenza strappata alle aspettative di “essere amati” e spalancata su un nuovo volto dell’altro: chiunque ti è “prossimo”, basta che tu te ne accorga!

        E’ sulla nostra stessa strada che si presentano le occasioni.

        Non occorrono gesti eroici: la quotidianità e la normalità conoscono le sfaccettature di un amore che vince la morte e dà la vita incessantemente.

        Per questo la Parola si è fatta carne, così vicina a noi, perché ascoltarla e praticarla sia semplicemente amare.

        Quando l’amore in te avrà il primato su tutte le cose Dio sarà “il più vicino” e nessuno tanto distante da non essere visto nel suo bisogno, da dover chiedere il tuo aiuto.

I commenti precedenti : anno A - anno B - anno C - in ordine per vangeli

 Il foglietto domenicale - il vangelo dei piccoli - la Parola sul web