i Giovani con i Padri Somaschi     

 

La Parola

Il Vangelo domenicale

  commentato in 150 parole

   
  

 

 23 maggio 2004 - Ascensione,

        «Siete testimoni» (Lc 24,48)
 

     
   
Sono passati 40 giorni, così ci rivelano gli Atti degli Apostoli, e Gesù accingendosi ad essere assunto in Cielo dice ai suoi: "siete testimoni". Già, testimoni. Significa aver veduto, toccato, udito, cioè sperimentato l'oggetto della testimonianza altrimenti si è testimoni del nulla. Quello è il senso di quei "40 giorni", come il ritiro di Gesù dopo il battesimo nel Giordano, come 40 furono gli anni del popolo nel deserto prima di poter entrare nella terra promessa. "40" sottolinea l'aver fatto una intensa e radicale esperienza di Dio, di quelle che cambiano la vita, come fecero i discepoli col Risorto presente in mezzo a loro per tutto quel tempo.

I cristiani sono un popolo di testimoni, o almeno così dovrebbe essere. Cosa possiamo testimoniare? Di quale radicale esperienza di Dio possiamo comunicare? Quali sono i nostri "40" giorni? Ci stiamo giocando il nostro cristianesimo! Se dovessimo ritrovarci ammutoliti dinnanzi a queste domande occorre una svolta decisa. Cerchiamoci un compagno, come Cleopa verso Emmaus, condividiamo con lui le nostre speranze - magari deluse - nel Signore, apriamoci al forestiero come fosse uno di famiglia lasciandoci interrogare dalle Scritture e preghiamo "Resta con noi Signore, perché si fa sera". Così come cominciò il primo di quei 40 giorni forse anche noi potremmo comunicare a qualcuno: "non sentivi anche tu ardere il cuore mentre Lui parlava"?

RF

I commenti precedenti :  - anno A - anno B - anno C - in ordine per vangeli

 Il foglietto domenicale - il vangelo dei piccoli - la Parola sul web