i Giovani con i Padri Somaschi     

 

La Parola

Il Vangelo domenicale

  commentato in 150 parole

   
  

 

 25 gennaio 2004 - III Tempo Ordinario

                    «rendere conto della solidità» (Lc 1,1-4)
 

     
   

Questa introduzione di S. Luca al suo Vangelo rende un enorme servizio alla fede. Sì, perché dimostra che la fede è qualcosa di ben diverso dalla passività sottomessa e spesso sterile che accogliendo tutto senza cuore vive tutto senza amore.

Invece Luca, come altri, "mette mano", compie "ricerche accurate" perché il "Teofilo" possa rendersi conto della "solidità degli insegnamenti". E questo perché anche lui è "Teo-filo" cioè "amante di Dio". E uno che ama vuole conoscere tutto dell'amato, scoprirne i più intimi segreti, sperimentare la "solidità" del rapporto e consolidarlo.

Allora facciamoci innamorare da Gesù, attingiamo con voracità al Vangelo, "mettiamoci mano" leggendolo, pregandolo e soprattutto mettendolo in pratica. Sarà amore che chiama amore e renderà la nostra vita bella come quella di un amante e solida come la roccia.

 

I commenti precedenti :  - anno A - anno B - anno C - in ordine per vangeli

 Il foglietto domenicale - il vangelo dei piccoli - la Parola sul web