i Giovani con i Padri Somaschi     

 

La Parola

Il Vangelo domenicale

  commentato in 150 parole

   
  

 

 4 Luglio 2004 - XIV Tempo Ordinario

        «Vi mando come agnelli in mezzo ai lupi» (Lc 10,3)
 

     
   

Affascinante quel "agnelli in mezzo ai lupi". Perché se confrontato con la finale del brano "Io vedevo satana cadere dal cielo come la folgore. Ecco, io vi ho dato il potere di camminare sopra i serpenti e gli scorpioni e sopra ogni potenza del nemico" non significa che si è mandati allo sbaraglio ma che l'agnello nasconde una potenza inusuale nella sua debolezza.

I 72 discepoli infatti sono mandati a due a due. Non solo perchè testimoni credibili perché "vale la testimonianza di due" ma perché in quel due si cela il germe della comunità, il seme della Chiesa: e di fronte ad essa gli inferi non prevarranno. Perché nella fragilità di quei due, come per i discepoli di Emmaus, icona della Chiesa nascente, c'è tutta la potenza del Cristo, che solo Lui ha vinto il mondo.

Agnelli, certo, deboli, perché è vero ma non soli. Ravviviamo perciò i nostri rapporti di comunione e sfuggiamo ogni individualismo e solitudine narcisistica: avremo tutta la potenza che vince il mondo.

 RF

I commenti precedenti :  - anno A - anno B - anno C - in ordine per vangeli

 Il foglietto domenicale - il vangelo dei piccoli - la Parola sul web