i Giovani con i Padri Somaschi     

 

La Parola

Il Vangelo domenicale

  commentato in 150 parole

   
  

 

 21 marzo 2004 - IV Quaresima

                                  «mio figlio»  (Lc 13,24)
 

     
   

         Quel giorno Gesù spiegò in maniera definitiva chi è il Padre. Ci sono due figli, nessuno di loro ha capito che tipo di persona è il proprio padre, vivono con lui ma non lo conoscono. Il primo se ne allontana, stare in casa gli pesa come una prigione. Anche tornando da peccatore continuerà a rapportarsi al padre come uno schiavo: “Trattami come uno dei tuoi garzoni”. Ma il padre lo vede come figlio, il suo amore precede il pentimento, egli non aveva mai smesso di amarlo. Il maggiore invece si crede giusto, ma anche lui si rapporta da servo: “ Ecco, sono tanti anni che ti servo”. Il padre lo tratta invece da figlio: “Tutto ciò che è mio è tuo”.

Abbiamo un Padre che ci amerà sempre, mai niente e nessuno potrà scoraggiarlo da questo. Prendiamone atto definitivamente. Capiremo allora che ama così anche gli altri suoi figli, i miei fratelli.

 MM

I commenti precedenti :  - anno A - anno B - anno C - in ordine per vangeli

 Il foglietto domenicale - il vangelo dei piccoli - la Parola sul web